Il WTI scende sotto i $ 55 poiché l’OPEC sembra cauto riguardo alle prospettive del mercato petrolifero

L’OPEC terrà la sua prossima riunione il 22-23 giugno e dovrebbe decidere in merito alla futura politica di approvvigionamento. Sembra essersi arretrato in un angolo per quanto riguarda i suoi tagli alla produzione. Tuttavia, ha affermato che le prospettive per la seconda metà del 2018 sono molto incerte, anche se le cifre del gruppo mostrano che un eccesso globale è sparito. Nel suo rapporto sul mercato petrolifero di agosto, ha affermato che le prospettive per i fondamentali del mercato petrolifero sembrano in qualche modo ribassiste ” per il resto del 2019. Nel suo rapporto sul mercato petrolifero di agosto, ha affermato che le prospettive per i fondamentali del mercato petrolifero sembrano in qualche modo ribassiste per il resto del 2019 2019. In risposta alla crescente produzione di scisto, il cartello petrolifero internazionale OPEC, guidato dai sauditi, ha deciso di adottare una strategia per inondare il mercato con le materie prime energetiche per cacciare i produttori di scisto dal mercato.

Con le importazioni canadesi e l’aumento della produzione di petrolio nel Nord Dakota, il Midwest ottiene più petrolio, che ristagna. Inoltre, anche se dal Canada e dal Nord Dakota arriva più petrolio, l’olio in eccesso può essere spedito attraverso camion e rotaie o con tubazioni aggiunte. Il petrolio greggio WTI è più leggero e più dolce della miscela Brent. Nell’aprile 2012, una parte maggiore del greggio WTI sarebbe arrivato sulla costa del Golfo. La disponibilità di greggio West Texas Intermediate (WTI) è stata gravemente compromessa dai recenti modelli meteorologici, a causa dell’effetto distruttivo di quest’ultimo sul sistema di raffinazione della costa del Golfo degli Stati Uniti.

La produzione di petrolio è in calo da anni, ma la produzione potrebbe diminuire in modo più drammatico se l’economia venezuelana continuasse a crollare. La produzione di olio di scisto è in aumento in Canada e il gasdotto Keystone XL darebbe al petrolio canadese un maggiore accesso alle raffinerie della costa del Golfo. Mentre la produzione di scisto di petrolio greggio negli Stati Uniti è aumentata negli ultimi anni, ha esercitato una forte pressione sul prezzo delle materie prime energetiche e allo stesso tempo ha abbassato il prezzo del WTI a Brent a causa dell’aumento della produzione e della crescita degli inventari.

Il prezzo del West Texas Intermediate (WTI) rappresenta il petrolio prodotto nel Nord America. Nel frattempo, prima della primavera araba nel 2010, il prezzo del greggio intermedio del Texas occidentale in genere veniva scambiato con un premio al Brent da $ 2 a $ 3 al barile. Martedì i prezzi del petrolio sono stati contrastati, con il greggio degli Stati Uniti che si è stabilizzato prima di scendere nelle negoziazioni post-insediamento e il Brent è scivolato mentre gli investitori si preparavano per una riunione chiave del gruppo di produttori dell’OPEC la prossima settimana. Si sono stabiliti più in basso lunedì, con il benchmark globale Brent che ha guidato il declino, in una certa incertezza sulla scia di un accordo dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio per accelerare la produzione sostenuta dalla Russia non appartenente. Impatto Il calo dei prezzi del greggio eserciterà pressioni sui produttori di greggio per ridurre la produzione di greggio.

Nel frattempo i prezzi del petrolio non sono cambiati sensibilmente da mesi e lo scisto statunitense sta conquistando quote di mercato. Quando il prezzo del petrolio è superiore al costo di produzione, lo scisto scorrerà e quando scenderà al di sotto, gli Stati Uniti possono importare petrolio straniero a prezzi più bassi. Quando è sceso al livello più basso dal 2003 nel febbraio 2011, la Cina stava comprando il pugno a mano per costruire la sua scorta strategica. Nel 2016 i prezzi del greggio hanno sofferto a causa dell’eccesso di offerta e dell’indebolimento dell’economia cinese. Il rallentamento della Cina I prezzi del greggio (USO) sono stati sotto pressione a causa di un eccesso di offerta a lungo termine nei mercati globali del greggio.